Arriva in fumetteria la serie manga “Eroica” di Ryoko Ikeda

Hai inizio poco tempo dopo la fine della ben conosciuta “Versailles no Bara” ovvero (Lady Oscar) ed è considerato un pò il sequel. E’ la storia di Napoleone raccontata da Ryoko Ikeda. Il periodo è dunque quello pre-post-rivoluzionario e vede all’interno dell’opera alcuni personaggi già noti in Lady Oscar come:  Rosalie Lamorlière, Alain de Soisson e Bernard Chatelet.

L’opera in Italia è arrivata qualche anno fa edita dalla MX ( Magic Press ) in 12 volumi al costo di € 5,90 ognuno, che Cartooncult vi ripropone nuovamente nei prossimi carichi in arrivo. Prenotate le vostre copie per tempo, perchè ne arriverà un quantitativo limitato per numero.

trama:

Proprio in Eroica appaiono diversi personaggi che l’autrice aveva già avuto modo di far conoscere ai propri lettori proprio durante Le Rose di Versailles, ovvero il soldato della guardia Alain de Soissons, il giornalista giacobino Bernard Chatelet e sua moglie Rosalie Lamorlière, compresa la stessa protagonista, Oscar François de Jarjayes, attraverso dei flashback. Bernard continua le sue battaglia come giornalista, appoggiando il protosocialista Gracchus Babeuf, Rosalie lavora come sarta e Alain, anche lui un fervente giacobino, continua la sua carriera militare come compagno d’armi di Napoleone. Fa la sua prima apparizione il piccolo François Chatelet, l’unico figlio di Bernard e Rosalie. L’importantissimo ruolo di antagonista principale della serie è recitato prima dai realisti, corrente politica che voleva il ritorno della monarchia in Francia, e poi dagli alleati delle grandi potenze europee – Inghilterra, Russia, Prussia, Austria e Svezia – nemiche dell’impero napoleonico. Ma c’è un nemico irriducibile che agisce sempre nell’ombra e con gran crudeltà. Infatti la vera super-cattiva della storia è Catherine Renaudin (Madame de Talleyrand), la spia al servizio dei realisti. Dopo la sua morte sulla ghigliottina verrà rimpiazzata dallo zar Alessandro I di Russia, prima di allora un personaggio secondario. Deluso da Napoleone, Alain arriva ad attentare alla sua vita insieme a Bernard, che ha sempre seguito con assoluto scetticismo la sua ascesa al potere, a causa di quell’irruzione armata nell’aula del consiglio durante il colpo di Stato del 18 brumaio. Tuttavia i soldati del generale Murat riescono a coglierli nel tentativo. Alain, che ha tentato di pugnalare Bonaparte al cuore, viene ferito gravemente all’addome da due fucilate. Nel cortile del palazzo delle Tuileries Bernard sfiora Bonaparte all’orecchio sinistro con un colpo di pistola e si becca cinque fucilate alla schiena, facendo da scudo ad Alain. Alain muore vomitando sangue e anche Bernard, sotto gli occhi increduli di Bonaparte. Rosalie e il figlio François hanno riparato in Svezia.

fonte trama: Wikipedia

Ryoko Ikeda

Annunci

Pubblicato il settembre 18, 2011, in News con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: